“Le Vieux Crapaud” nel cuore di Parigi -Il regno della gastronomia

Nella città più romantica del mondo, cucina francese di qualità nel segno della tradizione culinaria d’oltralpe

Di Adriano Fiore

Ph. Maria Paola Di Palma

 

 

“Se un giorno aprirò un ristorante, la sua specialità saranno le rane” – quando aveva quattro anni lo chef Thomas Boutin assaggiò la sua prima rana, e da quel momento subito ebbe chiaro in mente quale sarebbe stata la sua più grande vocazione. Quando anni dopo, nel giugno 2014,  inaugurò il suo ristorante in un incantevole albergo situato vicino gli Champs-Élysées, ovviamente non poteva che essere un rospo ad essere scelto come marchio, andandolo ad incoronare come il “maestro delle rane”. Thomas Boutin ha iniziato la sua carriera seguendo gli insegnamenti di Ferrandi e nel corso del tempo ha frequentato le cucine di vari chef come: Jean-François Roquette nel ristorante “Cantine des Gourmets”, Patrick Pignol al “Relais Auteuil”, lo chef Bruneau a Bruxelles ed infine Bruno Doucet al “Natachef”. Passati quegli anni, Boutin è stato proclamato Cavaliere dell’Ordine al Merito Agricolo ed oggi lo ritroviamo deus ex machine de “Le Vieux Crapaud”. Il ristorante ha ben 42 posti a sedere, i tavoli sono in legno ed i camerieri hanno sulla divisa il disegno dell’immancabile rospo! La cucina è rialzata e circondata da vetrate che danno la possibilità di guardare in sala, con uno spazio ampio e sicuramente degno di una cucina stellata Michelin. È possibile gustare, oltre le rane, anche altre specialità come le lumache oppure una bella bistecca di Salers. Lo chef presenta una lista dei prodotti francesi disponibili che varia a seconda della stagione, alimenti che sceglie personalmente recandosi due volte a settimana a Rungis. Lo stesso procedimento avviene per i prodotti ittici, di provenienza esclusivamente francese. Inoltre chef Boutin si occupa personalmente anche della scelta dei vini, ed ogni settimana si susseguono viticoltori che propongono le loro annate migliori. Nel caso in cui i clienti apprezzino il vino proposto, Thomas e Tatiana, la sua compagna che da anni lo affianca nella gestione del ristorante, essi lo aggiungono subito alla carta dei vini. Il ristorante “Le Vieux Crapaud” lavora col 90% di prodotti francesi selezionati attentamente, salvo per alcune eccezioni come nel caso delle lumache, le quali vengono importate dall’Ungheria. Il menù si ispira molto alla cucina locale di cui lo chef è un vero esperto, ma una delle sue caratteristiche maggiormente apprezzate è il senso di protezione che trasmette ai suoi collaboratori ed ai suoi clienti. Essendo consapevole della forte componente nutritiva proposta nei suoi piatti, Thomas offre dei menù speciali, come quello per coloro che desiderano stare attenti alla linea! Non c’è che dire, ogni volta che ci si trova a Parigi per vacanza o per lavoro, una “tappa” a “Le Vieux Crapaud” è assolutamente necessaria ed immancabile, per assaggiare le prelibatezze di un luogo che sa adattarsi alle esigenze della sua clientela, avanzando sempre nuove proposte culinarie in grado di lasciare sempre tutti estasiati, con in bocca il vero sapore della Ville Lumière.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...